Come funziona l’assegnazione delle nuove licenze taxi ?

Una delle prima cosa da precisare è che un Comune, sia esso di Torino ma la situazione è pressoché identica nel resto d’Italia, non può rilasciare un numero di licenze superiori a quelle necessarie per consentire l’immissione in circolazione dei veicoli autorizzati al servizio taxi.

Altra cosa fondamentale, le licenze per l’esercizio del servizio taxi vengono assegnate attraverso pubblico concorso, bandito con specifica deliberazione della Giunta Comunale, aperto a tutti i soggetti in possesso dei requisiti previsti e nei cui confronti non ricorrano le cause di impedimento.

Cosa contiene il bando di concorso?

Il numero delle licenze da assegnare

L’indicazione dei criteri di valutazione dei titoli

L’elencazione dei titoli oggetto di valutazione ai fini dell’assegnazione

L’indicazione del termine per la presentazione delle domande

Lo schema di domanda per la partecipazione al concorso

L’indicazione dei requisiti e delle cause di impedimento

Una cosa da tenere in considerazione è il fatto che costituisce titolo preferenziale avere esercitato il servizio taxi in qualità di sostituto alla guida o di familiare del titolare della licenza per un periodo di tempo complessivo di almeno sei mesi.

Inoltre la graduatoria ha validità di tre anni dalla data di approvazione. I posti d’organico che si rendono vacanti nel corso del triennio di validita’ devono essere coperti utilizzando la graduatoria stessa fino al suo esaurimento.

Leggi anche: Il codice comportamentale dei tassiti